La strada

La strada non è il titolo del bel film (1954) di Fellini, anche se la vicenda e i nostri personaggi sono di certo un pochino felliniani nei loro tratti grotteschi e caricaturali.

Delibera di giunta del 9 marzo 2018

Come si legge dalla delibera del 9 marzo 2018, viene contestualmente presentato e approvato un progetto definitivo di riqualificazione della strada del cimitero, progetto precedentemente approvato allo stadio preliminare nella delibera di giunta del novembre 2016.

Le delibere sono tutte tenute in seduta ordinaria e segreta da Alina Gastaudo, Marco Rondelli e Lorenzo Basso, in presenza del segretario Citino. Sempre e solo gli stessi nomi quindi per approvazione del progetto di parcheggio, per l’approvazione della questione scuolabus, per il conferimento dell’incarico al Cannattaro e per l’approvazione del progetto preliminare e ora definitivo.

4 persone, Marco Rondelli, Alina Gastaudo, Lorenzo Basso e il segretario Citino decidono e deliberano per tutti.

Non siamo contrari alla riqualificazione della strada, così come non siamo mai stati contrari a progetti urbanistici che siano utili alla collettività e che si inseriscono in progetti di sviluppo territoriale condivisi.

Ancora una volta è la modalità che ci sorprende e che non ci piace.

Ma in fin dei conti chi l’ha visto questo progetto di riqualificazione che interessa la collettività? Quale intervento è previsto? Come viene risolta la criticità della strada?

Noi non l’abbiamo visto il progetto definitivo, che pure è in itinere da quasi due anni; lo vogliamo vedere, e vogliamo vedere anche il vecchio progetto della strada che porta al cimitero. Vogliamo sapere perché oggi la strada ha bisogno di essere riqualificata, se ieri andava bene per servire un parcheggio di circa 40 posti auto. Vogliamo sapere come e dove si intende intervenire.

Siamo in un piccolo paese di meno di 300 anime… l’abbiamo già chiesto e chiediamo di nuovo un coinvolgimento della popolazione per gli interventi che riguardano la comunità.

Perché è così difficile per questa amministrazione avvicinarsi a una forma di democrazia partecipata?

Pensiamo che in una democrazia il paese lo si debba vivere democraticamente. La comunità pretende trasparenza e vuole essere informata di quanto viene deciso in sedute segrete.

Alleghiamo i documenti dell’ultima delibera e invitiamo tutti a prenderne visione. Invitiamo altresì, chi il paese lo vive, a prendere visione del progetto e a fare domande pretendendo risposte.

2018 n.9 Riqualificazione strada accesso cimitero

 

One thought on “La strada”

  1. Trasparenza e democrazia se non riescono a farsi “strada” in un piccolo paese c’è da preoccuparsi. Bravi vi segue dalla città, non mollate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.