Lupus et agnus

« Un lupo e un agnello, spinti dalla sete, erano venuti allo stesso ruscello.
Il lupo stava più in alto e, un po’ più lontano, in basso, l’agnello.
Allora il malvagio, incitato dalla gola insaziabile, cercò una causa di litigio.
“Perché – disse – mi hai fatto diventare torbida l’acqua che sto bevendo?
E l’agnello, tremando:
“Come posso – chiedo – fare quello di cui ti sei lamentato, o lupo? L’acqua scorre da te alle mie sorsate!”
Quello, respinto dalla forza della verità:
“Sei mesi fa – aggiunse – hai parlato male di me!”
Rispose l’agnello:
“Ma veramente… non ero ancora nato!”
“Per Ercole! Tuo padre – disse il lupo – ha parlato male di me!”
E così, afferratolo, lo uccide dandogli una morte ingiusta.
Questa favola è scritta per quegli uomini che opprimono gli innocenti con falsi pretesti. »

Racconto dal libro primo delle favole di Fedro

E così alcuni cittadini, poco informati e infastiditi dalla verità, che si palesa, insopportabilmente scomoda, accusano tuttoILPAESEnePARLA e minacciano verbalmente gli autori per aver portato nel paese delle favole la bandiera nera di Legambiente.
La nota negativa da Legambiente è stata attribuita alla giunta di Rocchetta N. per il progetto del Parcheggio, voluto dal comune, la cui amministrazione, nonostante il parere negativo di soggetti super partes come Regione Liguria, continua ostinatamente a difendere, sostenendo politiche di sviluppo territoriali miopi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.