Terzilia nella mietitura

Dal campo di grano

Mai così poco grano avrà fatto parlare così tanto di sè.

Abbiamo raccolto all’incirca 5 kg. di grano. Eravamo una ventina, persone del paese, vacanzieri e stranieri.

5 kg di grano = 5 kg di pane

Se consideriamo il tempo per dissodare il terreno, riparare i muretti a secco, piantare, rincalzare, diserbare manualmente, potare gli alberi, mietere, battere, pulire il grano, macinare, impastare e cuocere il pane, avremo un pane con un costo di produzione altissimo.

Ma allora perchè aver piantato il grano?

Il frumento appartiene da sempre alla nostra cultura e se non fosse stato degenerato sarebbe l’alimento perfetto: potrebbe essere usato come unico cibo senza mai provocare carenze nè malattie.

E ancora, perchè averlo piantato proprio su quelle fasce sopra il paese e sotto il cimitero?

Riporto le parole di un nostro lettore francese, Frederic, che coglie il senso del luogo, tra passato e futuro:

Le case del paese sembrano un imbuto, una corna di abbondanza, aperta su le terrazze agricole protetti dalle case sui latti e dallo spirito dei anziani dalla parte sopra…

Il grano è raccolto in un covone appoggiato su uno dei muretti a secco, è libero, potete prenderlo, ve lo regalo. Potete amarlo, bruciarlo, mangiarlo, è vostro, in fondo è solo grano, uno dei fondamenti della nostra cultura.

Lascio il terreno in altre mani.

Invito l’amministrazione comunale a considerare di destinare i terrazzamenti appena acquisiti, che oggi appartengono alla comunità, al proseguimento della sperimentazione dei grani antichi, in collaborazione con l’Istituto di Agraria di Sanremo e con l’Associazione Nazionale Reti semirurali, nel segno di un progetto di sviluppo sostenibile.

Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato, condiviso e sostenuto questo progetto.

Philippe

2 thoughts on “Dal campo di grano”

  1. Chiunque riesca a far crescere due spighe di grano o due fili d’erba dove prima ne cresceva uno solo rende un servizio al suo Paese e all’umanità, tanto più grande dell’intera progenie dei politicanti messi insieme.
    (Jonathan Swift)

    anna e stefano

  2. Bravi!mi sarebbe piaciuto esserci. Queste sono le iniziative che fanno vivere la comunitá. Il futuro sono gli orti condivisi, non i parcheggi gialli, blu e deserti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.